Carciofi Freschi: Come Riconoscerli e Conservarli

carciofi messi in acqua affinchè mantengano più a lungo la loro freschezzaOggi conosciamo un po’ di piú un ortaggio che, in questo periodo, fa da protagonista sui banchi di mercati e super…I carciofi! E poi parleremo dei carciofi freschi, di come riconoscerli e di come mantenerli!

Produzione dei Carciofi: Qualche Dato

L’Italia ha il primato mondiale per la produzione dei carciofi: questo prezioso ortaggio viene coltivato soprattutto in Puglia, Sicilia e Sardegna.  Nel mondo si coltivano più di 80-90 varietà di carciofi e questi, a seconda della presenza o meno di spine, si dividono in spinosi e inermi e, in base al periodo in cui danno i loro frutti, se in inverno o in primavera, si distinguono autunnali e primaverili. Tra i carciofi più noti, quelli che più facilmente troviamo sul mercato, sono la Mammola, il Violetto, il Romanesco, lo Spinoso Sardo.

Carciofi: Nutrienti e Proprietà

I carciofi sono una vera e propria riserva di sostanze preziose per il nostro organismo: sono ricchi di vitamina  B1 e B3 e di minerali come ferro, sodio, potassio, calcio, fosforo. Questo ortaggio, inoltre, è diuretico, combatte il colesterolo, aiuta il fegato nelle sue funzioni e poiché contiene molte fibre ma è privo di grassi è un alimento perfetto per le diete ipocaloriche.

Carciofi Freschi: Come Riconoscerli

Quando copriamo i carciofi, per essere sicuri che siano freschi dobbiamo guardare che la punta sia ben chiusale foglie intere, sane e carnose e di un bel colore vivo tra il verde e il viola e che il loro gambo dritto e turgido non si pieghi morbidamente sotto le nostre dita ma che invece si spezzi “scrocchiando”sotto la loro pressione.

Come Mantenere i Carciofi Freschi: un Trucchetto!

Per conservare i carciofi freschi, evitando che si rinsecchiscano, basterà immergere i loro gambi in acqua come se fosse…Un vero e proprio bouquet di fiori! Si conserveranno molto bene per tre, anche quattro giorni. Se invece dobbiamo conservarli per una settimana, sarà meglio metterli in frigo chiusi in un contenitore, dopo aver tolto le foglie esterne, la punta e il gambo e dopo averli lavati in acqua acidulata e asciugati.

Come cucinare i Carciofi

I carciofi, ottimi in qualsiasi modo li cuciniamo, fritti, alla romana, in umidosott’olio, ripieni, ecc., si possono consumare anche crudi (cosí conserveranno inalterate tutte le loro qualità, a patto che siano teneri e freschissimi!), tagliati a fettine sottili e conditi con olio, sale e succo di limone.

carciofi freschi della varietá romaneschi carciofi freschi della varietá romaneschi

Potrebbero Interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *