Dolci di Natale Spagnoli: Conosciamoli!

Dolci di Natale Spagnoli: Conosciamoli!

La mia trasformazione è in atto. Me ne rendo sempre piú conto. Sono ormai piú di sette anni che vivo in Spagna e certi cibi che all’inizio non riuscivo nemmeno a toccare (morcilla = sanguinaccio, chorizo = salsiccia aromatizzata, oreja de cerdo = orecchie di maiale…), ora non solo le sopporto ma addirittura le ordino al ristorante o se no – udite, udite – le preparo in casa! Per esempio, l’altro giorno mi sono ritrovata a comprare tutto il necessario per preparare il cocido madrileño (osso di prosciutto e morcilla compresi!), quando ho visto il carrello pieno di queste cose che una volta non sapevo nemmeno si usassero per cucinare (!!), ho capito che qualcosa stava cambiando in me…Eggiá, mi sto trasformando in una Itagnola! É proprio vero che prima o poi ci si abitua a tutto…!

Dolci di Natale Spagnoli: Conosciamoli!

Ció che vi ho detto prima per le pietanze salate vale anche per i dolci, soprattutto per i Dolci di Natale, dolci che i primi anni portavo tutta orgogliosa in Italia per regalarli ad amici e parenti ma che poi ho capito che era meglio evitare! E sí, ci vuole tempo anche per abituarsi anche ai dolci di Natale Spagnoli, perchè sono, come dicono qui, empelagosos, cioé dolcissimi, e poi spesso hanno un consistenza molto diversa da quella a cui siamo abituati noi, ma vediamoli nel dettaglio questi dolci di Natale Spagnoli!

PS: Se vuoi conoscere anche altri piatti natalizi della tradizione spagnola, non perderti questo post, ciao!

Roscón de Reyes:

Questo, a dire il vero, è l’unico che mi piace (se mi sentonoooo!!!), ed è un dolce che spesso si compra in pasticceria (adesso anche nei supermercati ma non è la stessa cosa! 🙂 ) e si mangia il giorno dei Re Magi, Los Reyes, il 6 gennaio. É un dolce a forma di ciambella, il sapore e la consistenza mi ricordano molto quelli delle brioches a forma di treccia che comprava mio padre dal panettiere a mio fratello, quando eravamo piccoli (io preferivo il cornetto 😉 ). Dentro al Roscón viene nascosta una sorpresina e, chi la trova, all’interno della sua fetta, viene “premiato” con una corona di cartoncino color oro (altri dicono che invece chi la trova deve pagare il Roscón!).

Se volete provare a farlo qui trovate un paio di ricette: Giallo Zafferano, La Cuoca Sopraffina

Roscon de reyes

Polvorones:  

Questi sono giá piú difficili da digerire, sono dei dolcetti molto friabili (da lí il nome), si fanno con lo strutto e poi si cospargono con dello zucchero a velo. Sono molto belli da vedere, poichè vengono avvolti con delle belle carte colorate a mo’ di caramelle ma per apprezzarli…Ci vuole tempo! 😉 (Fonte della Foto: tavolartegusto.it)

Anche in questo caso vi lascio un paio di link se volete provare a farli in casa: Tavola Arte Gusto, Cake Mania

POLVORONES

Turrón:

No, non fatevi ingannare, non è il torrone a cui siamo abituati noi (vero mamma?? 🙂 ) o meglio, probabilmente qui c’è anche il torrone tipo quello che si mangia da noi, duretto e con le mandorle, ma poi ce ne sono altri 2.000.000 di tipi che di torrrone, in realtá, non hanno niente! Sono piú delle grosse tavolette di cioccolato di ogni gusto, ripieno, colore e sapore, altre volte sono delle tavolette morbidissime che si comprano a fette a partire da un grosso parallelepipedo zuccheroso! Tra i piú famosi troviamo il torrone di Jijona, tipico della città di Jijona, composto da mandorle tritate e miele, il torrone di Alicante, tipico della medesima provincia, composto da mandorle (almeno il 46% in peso), intere e leggermente tostate e miele e il turrón de yemas, un torrone a base di mandorle tritate, tuorli d’uovo e zucchero (Fonte della Foto: directoalpaladar.com)

Qui alcune ricette: Spagna, Don Quijote, Directo al Paladar, Buonissimo

turron de yemas

Mazapán:

Questo sí, é lo stesso! 🙂 Qui in Spagna c’è una vera e propria tradizione di dolcette di marzapane, piú che da noi forse, si fanno formine di ogni tipo, peso e misura, quello più rinomato è quello di Toledo, della pasticceria Santo Tomé, se aprite il link vedrete quanti tipi ce ne sono (io adoro las pastas de piñon, marzapane con i pinoli, molto buono e moooolto dietetico!! 😀 ). Se se nei periodi clou andate a comprarlo direttamente a Toeldo da Santo Tomé,  sappiate che vi troverete davanti una fila che fa il giro dell’isolato! 🙂

Se volete provare a fare il marzapane, qui trovate la nostra ricetta: Pasta di Mandorle

Dolcetti di Marzapane

Tronco de Navidad:

Questo, devo ammetterlo, non l’ho mai mangiato, credo sia uguale al trochetto di Natale che si fa da noi, quando lo provo vi dico se è davvero cosí o se nasconde delle sorprese! 😉

Qui trovate delle ricette: Pane Angeli, Ricette della Nonna

tronchetto-di-natale

Bé, spero che questa veloce carrellata vi sia piaciuta, voi da quale Dolce di Natale Spagnolo vi fareste tentare??

Potrebbero Interessarti anche:

Commenti

Dolci di Natale Spagnoli: Conosciamoli! — 1 commento

  1. Pingback: Ricette di Natale in Spagna (...a Madrid!) | La LUNAdei Golosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *