Yogurt fatto in casa

Yogurt fatto in casa: buono e goloso!

[gallery, gallery size = “medium” order=”DESC” columns=”2″]
Era da un po’ che ci pensavo: devo provare  a fare lo yogurt in casa! Ma, tra il fatto che non ho la yogurtiera e che alcuni yogurt che vendono sono cosí tremendamente buoni…Ho sempre rimandato l’esperimento! Anche perchè ero sicura che non sarebbe mai venuto denso e cremoso, ma acidino e liquidino….Bé: mi son ricreduta! Con questo semplice e “antico” sistema, che, fra l’altro, non richiede nessun particolare attrezzo (ma solo un cucchiaio, una pentola e dei contenitori puliti!), potete riprodurre in casa lo yogurt che piú vi piace! L’unico problema? Quelli della Danone o della Müller…potrebbero citarvi per plagio!! 😉

RICETTA dello Yogurt fatto in casa senza yogurtiera

RICETTA per 6-8 PERSONE
DIFFICOLTÀ: bassa
PREPARAZIONE: 2’ (preparazione…il tempo di aprire il cartone del latte e versarlo nella pentola!) + 15’ (cottura) + 6-8 ore (fermentazione)
COSTO: basso

INGREDIENTI DELLA RICETTA  dello Yogurt fatto in casa

>> latte: 1 l (meglio se a temperatura ambiente)
>> yogurt starter: 1 vasetto (125 ml) (meglio se a temperatura ambiente)

Tenete presente che a seconda del latte (intero o parzialmente scremato, biologico, UHT o fresco) e dello yogurt starter (marca, tipo, ecc.) che userete, lo yogurt che otterrete sarà diverso…Io ho fatto alcune prove:
yogurt biologico magro: latte UHT biologico e parzialmente scremato + yogurt  biologico magro 0 % grassi (marca Vrai); RISULTATO: yogurt abbastanza denso, ma non molto cremoso, gusto fresco e…Light!
yogurt alla soia: latte UHT intero + yogurt intero alla soia (marca Activia Danone); RISULTATO: yogurt molto denso e cremoso, gusto…identico allo strater, quindi buonissimo!
yogurt naturale: latte fresco intero + yogurt intero (marca Activia Danone); RISULTATO: yogurt denso e cremoso, gusto fresco e naturale.

Il mio consiglio? Usate latte intero (fresco o UHT), meglio ancora se biologico, e come yogurt starter uno bianco, intero e…Che vi piaccia, perchè verrà esattamente uguale!

PREPARAZIONE DELLA RICETTA dello Yogurt fatto in casa

1. Versate il latte in una pentola pulita e portatelo a ebollizione vivace. Quando la spuma raggiunge i bordi della pentola, abbassate il fuoco e lasciate bollire per altri 10’, poi togliete dal fuoco, coprite con un coperchio e fate intiepidire (circa 45’). La temperatura finale del latte è molto importante per la buona riuscita dello yogurt, deve essere di circa 38-40ºC. Quindi, al mettere il migliolo nel latte (mani pulite! Non dovete contaminarlo!) dovete sentire una sensazione di calore, ma non di bruciore!
2. Una volta intiepidito, togliete la panna che si sarà formata (se vedete che son rimasti dei pezzettini di panna, meglio filtrare il latte prima di procedere) prendete il vasetto di yogurt, metteteci dentro un paio di cucchiai di latte tiepido e rimestate. Aggiungete altri due cucchiai di latte e poi versate lo yogurt nella pentola e girate per distribuirlo uniformemente.
3. Prendete dei vasetti (meglio se di vetro, tipo i famosi della Bormioli, o di ceramica, ma anche un bicchiere che poi coprirete con pellicola trasparente va benissimo!), riempiteli e chiudete con il tappo o anche con pellicola trasparente. Metteteli poi in un posto chiuso che non pensate di usare per le successive 6-8 ore (tipo il forno spento, un armadietto, una cassetta di legno, tipo quella che a volte regalano con delle bottiglie di vino, ecc.) e coprite bene i vasetti con una copertina di pile, o di lana, con un vecchio maglione,…La cosa importante è che i vasetti non devono essere spostati, devono essere mantenuti al caldo e non devono subire cambi di temperatura.
4. Trascorse 6-8 ore, lo yogurt si sarà formato (per esempio, se lo preparate prima di andare a dormire, la mattina sarà pronto!): a questo punto o lo provate subito (è eccezionale!! 🙂 ) o  mettete i vasetti in frigo (a 4-6ºC) …Il gioco è fatto!

Vi avviso però…Dopo aver provato questa ricetta, sarete assolutamente yogurt-fatto-in-casa-dipendenti!

Potrebbero Interessarti anche:

Commenti

Yogurt fatto in casa — 34 commenti

  1. Sei davvero speciale! Questa ricetta dalle foto stupende e dalle spiegazioni
    chiarissime è talmente invitante che oggi stesso l’ho preparata!
    Mi è venuto uno Yogurt BUONISSIMO e dall’aspetto così invitante che ne ho mangiato uno ancora prima di metterli in frigo e gia’ sto pregustando quelli che mangero’ domani! BRAVA!

    • …Eheheheh…Grazie, grazie! Che onore! Comunque è vero, viene proprio bene lo yogurt facendolo così, tanto che io l’ho già fatto tre volte in una settimana!! Bè…Male non farà, visto che è così naturale! 🙂
      Quanto ai tuoi complimenti, qui si dice: “de tal palo, tal astilla!”…Se entiende¿!? 🙂

      • … ¡Lo sabía!
        Io ho usato uno yogurt intero bianco e un litro di latte fresco ad alta qualita’ e mi è venuto uno yogurt speciale, cremoso, invitante … tanto invitante che l’ho mangiato subito!

  2. …Eheheheh…Grazie, grazie! Che onore! Comunque è vero, viene proprio bene lo yogurt facendolo così, tanto che io l’ho già fatto tre volte in una settimana!! Bè…Male non farà, visto che è così naturale! 🙂
    Quanto ai tuoi complimenti, qui si dice: “de tal palo, tal astilla!”…Se entiende¿!? 🙂

  3. Questo yogurt sta imperversando!!!
    Pensa che oltre a degli amici, anche lo zio, per curiosità, ha voluto provare a farlo, ma da allora in poi ha cominciato la …”produzione”. Lo prepara per sè, per i suoi nipotini e per tutti in famiglia e pensa che per fare prima usa i bicchieri “usa e getta” !!!

  4. Pingback: Pane della mezz'ora...Ma per davvero! | la LUNA dei golosi

  5. Pingback: Latte + sale + limone = Ricotta fatta in casa! | la LUNA dei golosi

  6. Pingback: Alla scoperta del primosale! | la LUNA dei golosi

  7. Pingback: il mio primo … “Primo sale” prova | la LUNA dei golosi

  8. Pingback: Come si riconosce un ananas maturo? | la LUNA dei golosi

    • Ciao Lisetta! La tua domanda mi sembra tutt’altro che sciocca! Anzi, visto il prezzo degli yogurt di soya, sarebbe decisamente interessante poterli autoprodurre in casa! Da quel che mi risulta è possibile fare lo yogurt di soya sia a partire da un vasetto di yogurt disoya + latte di soya sia a partire da una bustina di fermenti + latte di soya, io non ho provato ma al più presto mi cimenterò e ti faccio sapere! O se provi prima tu, dimmi come ti è venuto! Come sempre, è meglio utilizzare materie prime di qualità e con poche aggiunte (di zucchero, di frutta, di stabilizzanti, ecc.) per produrre il primo yogurt (da cui poi possiam ricavare tutti i successivi)! Aspetto news! Ciao!

      • uhm…. esperimento provato, (quasi) riuscito. Yogurt intero viviverde della coop con 1/2 litro di latte di soya alpro. Ho seguito il procedimento, ma è un po’ liquidino ancora…. sono quasi 9ore che è lì (sono uscita e l’ho dimenticato!!!) Però il sapore è buono…..

        • Ciao Lisetta, che bello leggerti e sapere che ti sei cimentata con l’esperimento dello yogurt di soya, son contenta que ti sia venuto bene! È ancora liquidino? Perchè se sta un po’ di più dovrebbe solidificarsi…E comunque lo starter, il latte, la temperatura, l’umidità e il tempo sono tutti fattori che influiscono molto sul risultato. Lo yogurt di partenza era bello denso o liquido? Può anche darsi che il caldo incida, perchè non so lì da te, ma qui fa ancora parecchio caldo!

        • Ciao Lory! Qui siamo scesi di botto a 13 gradi dai 27 di martedì. Comunque stasera è già molto diverso da ieri sera e…… è buono che mai!!

          Grazie mille per aver pubblicato la ricetta!

          • Stupendo! Vedrai che ora…Non ti fermerai più! Diventerai una “maestra yogurtiera”! 🙂 Quanto alla temperatura, mamma mia! È già inverno praticamente! E di dove sei?

          • Ma dai! Sai che Rimini è una città che adoro! Parte della mia famiglia vive lí ed io sempre desiderato andarci a vivere! Peró poi…Le cose son andate un po’ diversamente! Che fortuna vivere in una città di mare…Vero?

  9. Ciao Lory, grazie per questa ricetta e complimenti per tuo sito ricco e duttile. Essendo un’amante dello yogurt, specie quelo greco, ho provato la tua ricetta…Mmh… io avrò sbagliato qualcosa…!!! Ho usato quello che avevo in casa: latte scremato e yogurt della Fage (greco) magro….allora quando ho mescolato lo yogurt al latte ho notato che comunque si erano creata delle “chiazzette” un po’ più solidificate… Secondo la tua , e vostra esperienza, il latte era ancora troppo caldo? Non ho tirato via bene la panna dell’ebolizione…??? O non vanno proprio bene gli ingredienti??! Accetto consigli vari e ipotesi!! Grazie per la disponibilità!!

    • Ciao Roberta, che bel commento, grazie mille! Scusa per il ritardo della risposta ma con un esserino di 7 mesi in casa…Il tempo è sempre trooooppo poco!
      Ma veniamo a noi…Per quella che è la mia esperienza, ti posso dire che il fatto di usare latte magro con yogurt magro forse non è proprio l’ideale, io userei al massimo latte parzialmente scremato, perchè la differenza in grassi fra i due è abbastanza: quello magro ne ha circa 0.3% e quello parzialmente scremato fra l’1.5 e l’1.8%…quindi può averne anche 5 volte meno, e molta più acqua, e magari per questo si son separate le due fasi, acqua e grasso, creando le chiazzette di cui parli…Anche la temperatura è molto importante: dopo aver bollito, la temperatura del latte deve scendere a circa 40ºC, non troppo di meno nè troppo di più, se no non viene bene! Riassumendo, io proverai a rifarlo usando latte intero o parzialmente scremato e stando molto attenta alla temperatura…Aspetto news, mi raccomado!

  10. Ciao Lory!Allora convinta che la tua risposta mi arrivasse sulla casella di posta elettronica mi ero messa l’anima in pace convinta che non mi avesse risposto nessuno…Invece quando oggi ho ripescato la tua ricetta ecco che vedo la tua risposta!! Grazie mille.
    Il problemino è stato che mi son ritrovata in pol position con tutti i mei ingredienti quando vedo che avrei dovuto cambiar latte…io ero arrivata a cambiare solo lo yoghurt!! Ho usato activia cereali bianco interno, però il latte è rimasto quello scremato. A parte i complimenti per la tua spiegazione da piccolo chimico della cucina, ti posso dire che forse le macchie non erano dovute al latte ma alla temperatura del latte della volta scorsa o al fatto che non l’ho passato bene. Questa volta l’ho passato tre volte, ho aspettasse che raggiungesse i 39.6 gradi e le macchie non si son formate! Lo joghurt finale è piuttosto liquido ma più conisistente dell’altro che era proprio una sorta di filamento/rete continuo. MA, essendo ancora un po’, solo un po’, lontano da uno yoghurt “normale” e essendo contro la mia “religione” buttare lo joghurt ho pensato una cosa: montarlo!!!! Sì, con le fruste che si usano per i dolci…. viene fuori in un secondo una crema areata ma cremosa deliziosa…assomiglia ad un gelato!!! E inoltre con 100gr ne mangi una scodella intera (tipo quelle da latte con i cereali!)
    Bene Lory, cosa dire….finite le mie scodelle di finto gelato la prossima volta userò il latte parzialmente scremato!!
    Grazie ancora.

    • Ciao Roberta! In effetti l’opzione di ricevere aggiornamenti ai commenti sulla propria casella di posta c’è! Basta marcare la casella “Avvisami via e-mail della presenza di nuovi commenti a questo articolo” quando metti il commenti! 😉
      Comunque grazie ancora per raccontarci la tua esperienza, non si finisce mai di imparare e grazie ai racconti degli altri…Si impara di più e più in fretta!:-)
      Son contenta che tu abbia brevettato una nuova spuma di gelato, Ferran Adriá ti prenderá con sé all’apertura del suo prossimo ristorante! 😉
      Peró mi raccomando, quando riprovi con il latte parzialmente scremato, dimmi come ti è venuto lo yogurt, perchè se lo trasformi ancora in spuma gelato, ‘sta volta voglio foto e ricetta! 🙂
      Un bacione e alla prossima!

  11. Pingback: Yogurt Fatto in Casa con la Yogurtiera | la Luna dei golosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *